STORIA 96-05

Seleziona una categoria dalla lista qui sotto
MEDAGLIERE   PRESENZE IN NAZIONALE   COPPA DEI CAMPIONI   CAMPIONI D’ITALIA   SQUADRE SCUDETTATE   STORIA 76-85   STORIA 86-95   STORIA 96-05   STORIA 06-14

1996

Si tratta di un anno difficile con un taglio sulla sponsorizzazione,ma la Cassa garantisce che l’attività verrà sostenuta sino in fondo . Si assiste alla trasmigrazione di numerosi atleti come Mauro Rossi alle Fiamme Gialle , Emiliano Pizzoli rientra ai Carabinieri, Laura Berton alla Cises Frascati ,Emanuela Gini e Sonia Mariani all’Athlon Siracusa ma nonostante ciò la reazione della realtà societaria è impressionante con una stagione che sarà contrassegnata da una pioggia di medaglia e di maglie azzurre. Nicoletta Nobili resiste alle tentazioni che le arrivano dal Cus Bologna e dalle Società siciliane resta a Rieti per continuare a dare il proprio contributo alla Società da vera capitana .Una mossa importante è quella di Giuseppe Ruggero che porta a Rieti i suoi gioielli al secolo Giampiero Speranza e Giuseppe Minici

Il primo titolo lo centra Laura Tosoni che a Napoli nei campionati italiani di multiple vince il tetrathlon. Grazie ai risultati conseguiti nelle indoor volano a San Pietroburgo Nicoletta Nobili , Riccardo Balloni e Flavia Paoloni per la nazionale giovanile . All’aperto i titoli arrivano da Bressanone dove salgono sul gradino più alto del podio Roberto Carpene con 16,39 nel peso e Nicoletta Nobili protagonista , sul giro di pista, di un eloquente 54”12. A Senigallia centrano il tricolore Alessandro Battinelli 14”51 nei 110 hs ,Roberta Galluzzi 39,68 nel disco e la 4×100 allievi che ferma i cronometri su un eccellente 42”90 grazie alle frazioni di Andrea Vecchi,Dino Ruggeri,Alberto Milardi e Massimiliano Donati. Al quadrangolare Germania , Cecoslovacchia, Grecia ,Italia che si svolge a Sparta sono ben sei gli atleti usciti dal vivaio a vestire la maglia della nazionale allievi ovvero Massimiliano Donati nei 100,Alessandro Battinelli nei 110, Davide Gnan negli 800 e nella 4×400,Roberta Galluzzi nel disco, Laura Tosoni nel triplo e Michaela De Santis nel martello. Per la nazionale junior e promesse i convocati Cariri sono Nicoletta Nobili ,Omar Sacco e Roberto Carpene che scendono in campo a Santiago di Campostela. Per Omar Sacco c’è anche la convocazione ai mondiali juniores di Sidney ,una grande soddisfazione per il ragazzo,per Peppe Misuraca e per la Cariri..I campionati di specialità ci confermano ai vertici degli ostacoli assoluti grazie a Pizzoli, Putignani, Rossi e Paris. Conferma anche nella combinata ostacoli grazie al secondo posto nei 400hs. Dagli allievi i titoli arrivano sulla distanza dei 100 con Donati,Vecchi,Ruggeri,Milardi dei 400 con Gnan ,Schutzman,Battinelli, Bonafaccia e nella combinata della velocità.

A Foligno le squadre allievi ci fanno sognare e al termine della gare chiuderemo con un eccellente terzo posto maschile e quinto femminile.Per dare vitalità al movimento partono i raduni estivi . A Cesenatico vanno 60 atleti del vivaio.. Dopo le squadre allievi ,vanno in finale anche le squadre giovanili (juniores-allieve) si tratta di un Poker che solo la Snam eguaglia.Si guadagnano la finale anche le squadre allievi nelle prove multiple e a Marina di Ravenna centrano il podio con gli uomini. Da Lisbona arriva la straordinaria notizia del record italiano di Patrizia Spuri nei 400 con il tempo di 51”99

La Cariri supera a pieni voti anche l’organizzazione della Coppa Italia assoluta . Eccellente la prova della squadra maschile seconda ,mentre le donne sono none. Angelo Cipolloni e Patrizia Spuri volano alle Olimpiadi di Atlanta.

L’attività studentesca è sempre più intensa e il messaggio si trasmette a macchia d’olio. La conferma viene dalla vittoria di Borgorose prima nello staffettone e poi nella Supercoppa Il Trofeo Ipssar vede la Sisti centrare l’ennesima doppietta . Sempre da Borgovelino, paese natio di Angelo viene Antonio Bufacchi giovane che riporta Rieti all’oro nei Giochi della Gioventù con la vittoria nel peso

Quando ormai era entrata nel giro della nazionale, scompare in un banale incidente stradale Daniela Chiodi giovane fondista di Magliano Sabina. Daniela era e rimane un esempio per chi si avvicina al mondo dell’attività sportiva.

 

1997

E FINALMENTE ARRIVA LO SCUDETTO

1997 ovvero la stagione del primo titolo italiano di Società. Tanto inseguito, sfiorato a più riprese e finalmente centrato a Modena, su un campo prestigioso come quello della Fratellanza, Società dalla tradizione centenaria. Un titolo prestigioso come quello giovanile con la squadra composta da Allievi e juniores. Questi protagonisti : Alessandro Battinelli 110 hs 14”91 secondo, Stefano Schutzmann 400 48”97 secondo, Fabiano Accatino disco 31,20 undicesimo, Paolo Martellucci giavellotto 43,00 ottavo, Massimiliano Donati 100 10”80 secondo, Nicola Judicone lungo 6,43 sesto, Giampiero Speranza 1500 4’00”11 secondo, Alberto Miliardi asta 4,00 secondo, Giuseppe Minici 5000 14’53”94 primo, Enrico Grifoni marcia 1h01’97 settimo, Alessandro Silvestri martello 40,88 ottavo, Alessandro Battinelli 400 hs 55”88 quinto, Masimiliano Donati 200 21”64 secondo, Massimiliano Pizzuti alto 1,85 settimo, Giuseppe Minici 3000 9’00”58 primo, Alessandro Silvestri peso 14,44 sesto, Nicola Iudicone triplo 14,44 terzo, Andrea Scagliusi 3000 siepi 9’43”30 terzo, Andrea Vecchi, Marco Variale, Alberto Milardi, Giuseppe Musilli 4×100 terza 43”08, Marco e Stefano Schutzmann, Andrea Vecchi, Davide Gnan 4×400 3’20”04 seconda. Prima giornata in vantaggio di un punto sulla Snam, il recupero della Società milanese nelle prime gare della seconda e poi finalmente prendiamo il largo grazie soprattutto a Giuseppe Minici che doppia il successo del giorno prima in un 3000 estremamente tattico dove Giuseppe dimostra di saper vincere anche in volata. Un’emozione unica una gioia infinita ,propiziata dal “Ferro di Cavallo” l’albergo che ci accolse a Pavullo. Il 1997 ci riserva tante altre soddisfazioni a cominciare da Massimiliano Donati protagonista prima alle indoor di Ancona e poi a Grosseto sempre nei 200 con un 21”58 che lascia intravedere il potenziale di questo ragazzo strappato al calcio. Altra doppietta quella di Nicoletta Nobili prima a Castellana e poi a Grosseto sempre sui 400. Dalle indoor arriva l’ennesimo titolo di Roberto Carpene nel peso, mentre all’aperto ci sono da registrare le affermazioni di Laura Tosoni nel triplo e della staffetta 4×100 che schierava Musilli, Schutzman, Milardi e Donati 41”97. Le maglie azzurre di Nicoletta Nobili e Roberto Carpene prima a Lievin e poi a Turku per gli europei junior, di Giuseppe Minici ai mondiali di cross a Torino e ai Eurpi di Lubiana sui 10000. Di Laura Tosonia Gorizia e agli europei junior insieme a Massimiliano Donati titolare dei 200 e della 4×100 e per chiudere con Michela De Santis nel martello. Dai campionati di specialità arriva l’ennesimo trionfo nei 110 grazie a Mauro Rossi, Emiliano Pizzoli, Andrea Putignani, Alessandro Battinelli e nella combinata dove ai suddetti si aggiungo Corrado Li Vigni e Stefano Pizzoli.E’ anche l’anno del titolo nel mezzofondo allievi con Matteo Bellagamba,Antonello Bonafaccia,Alfredo Carrozza, Roberto Cenciarelli, Federico Cipolloni ,Alessandro Porazzini e Marco Schutzmann. Titoli anche negli 800 e nei 1500. mentre le donne centrano il tricolore nei 100 hs grazie a Lucia Angelini,Eleonora Di Bernardino,Giovanna Incerti e Alessia Zingaretti. Decolla il Progetto Scuola mentre Rieti 3 torna alla vittoria nello staffettone dove ferma i cronometri a 23’32”75 ,una vittoria bissata nella classe più veloce dove la VA di piazza Tevere vince con l’imbattuto tempo di 1’14”90. La Direzione Didattica che fa leva su Villa Reatina, Piazza Tevere e Vazia si aggiudica anche la SuperCoppaCariri davanti a Borgorose a Rieti 1.I protagonisti della Scheggia sono Francesco Simeoni e Marta Roversi tra gli esordienti, Gabriele Granati e Ada Roversi per i Ragazzi 1986, Emanuele Grillo e Silvia Tocci ragazzi 1985, Ilaria Sartori e Samuele Dominici per i cadetti 1984, Emanuele Formichetti e Lucia Tosoni per il 1983 e Valeria Galluzzi e Simone Iachetti per i nati nel 1982.

 

1998

Il Dottor Alessandro Rinaldi è il nuovo presidente della Cassa di Risparmio, affiancato come direttore generale da Franco Medugno. Al Provveditorato arriva Emanuele Nicolini. Un’annata esaltante che vede l’esplosione di Massimiliano Donati, giovane di Poggio Fidoni , scoperto in quinta elementare e strappato al calcio nel 1996 quando vince il titolo provinciale agli studenteschi precedendo in un appassionante finale Mirko Zampese.Nel 1997 passa sotto la guida di Roberto Bonomi e nel 1998 regala alla Società soddisfazioni a iosa. Quattro titoli italiani nei 60 Indoor a Genova , nei 100 e nei 200 e nella 4×100 a Pesaro . Nella staffetta gli fanno compagnia Andrea Vecchi,Alessandro Battinelli, Alberto Milardi e il titolo arriva grazie ad un 41”57 che rappresenta anche il primato sociale assoluto. Si fregiano della maglia tricolore anche Laura Tosoni a Vigevano nelle multiple e a Genova nel triplo per le Indoor. Titolo invernale per Roberta Galluzzi nel disco , mentre nell’attività all’aperto oltre al poker di Donati arrivano le medaglie d’oro di Antonio Bufacchi nel peso allievi , di Settimio Cinquegrana e Andrea Lo Giudice a Palermo tra i cadetti rispettivamente nel martello e nei 2000. A Palermo c’è anche Roberto Donati che vince con i colori delle Fiamme Gialle E’ l’anno dell’arrivo nelle file della CARIRI di Erik Maestri con Nadolski e Rocchi. Sono quattro i tesserati Cariri inseriti nelle rappresentative azzurre che vanno ai mondiali. Bufacchi a Mosca con gli allievi, Donati,Battinelli e Tosoni ad Annecy con gli juniores. Si vestono d’azzurro anche Roberta Galluzzi e Michela De Santis nei lanci invernali mentre alle Gimnasiadi di Shangai sono presenti Luca Rocchi,Giorgio Sinapi (allievo di Vincenzo Scipione in quel di Formia) e Antonio Bufacchi.Un anno straordinario a livello delle rappresentative societarie con le squadra allievi terze sia in campo maschile che femminile a San Giorgio sul Legnano. Atroce la beffa che subiamo a Livorno il 3 e 4 ottobre infatti cediamo il titolo a parità di punti ,stesse vittorie ,ma un secondo posto in meno.Le donne sono seste. La squadra assoluta femminile a Modena è sesta ,mentre i maschi vincono l’interregionale a Napoli. Titolo Laziale alle cadette ,2° posto per i cadetti alle spalle delle FF.GG. In Ungheria ,a Veszprem, la prima esperienza in Coppa dei Campioni dove chiudiamo al secondo posto alle spalle della formazione jugoslava. Quattro le vittorie grazie a Donati 100,200 e 4×100 e di Gnan negli 800.Nei campionati di specialità centriamo le affermazioni :nei 400 hs femminili con Claudia Salvatore,Francesca Viglino, Eleonora Di Bernardino,Giovanna Incerti ,Silva Ballabio con i 110 hs Amedeo Angelosanto, Daniel Buttari,Federico Cipolloni , Alessandro Battinelli e Mauro Rossi, i 400 hs con Andreas Nadolski, Cipolloni,Angelosanto, Battinelli,Corrado Li Vigni e i 400 piani grazie a Nadolski, Luca Rocchi,Cipolloni,Massimiliano Donati, Stefano Schutzman.

Dalla Farnesina arriva la conferma della validità dell’iniziativa intrapresa con il Club Cariri, con la squadra ragazzi che si afferma nel Trofeo delle Province. Rieti punti 328 ,Roma 327,5 : La squadra di Rieti è composta da AndrewHowe, Claudio Corradetti, Francesco Leoncini,Emanuele Grillo,Andrea Brannetti, Francesco Zola,Damiano Angelini,Alessandro Casanica,Mario Nobili, Gianluca Castrucci ,Matteo Dionisi, Andrea Ranieri,Flavio Mei. C’è anche Francesco Filipponi, ma dovrà accontentarsi di fare solo la staffetta.

E’ la prima edizione del Corri in Piazza . Emozionanti i finali del Trofeo Ipssar 1° Sisti femminile 17’58”6 2°Sassetti 18’02”0 . Ancor più serrato l’arrivo dei maschi con la Sisti cronometrata a 16’14”6 e la Sacchetti a 16’16”4 . Indimenticabile la 100x80metri con il Marconi che nell’ultimo giro porta a termine l’inseguimento 23’35”45 per il Marconi, 23’37”25 per Rieti 3 che si consola con la vittoria nella SuperCoppa Cariri.

 

1999

STORICA DOPPIETTA AL “RAUL GUIDOBALDI”

Il 1999 è l’anno della conferma per l’Atletica Studentesca Cassa Risparmio Rieti, Siamo ormai una realtà dell’atletica italiana a livello anche assoluto. La copertina dell’annuario da questo punto di vista è significativa. La struttura del Guidobaldi trasformata da Campo Scuola a Stadio di Atletica Leggera, il Presidente Gianni Gola, amico ed estimatore del movimento atletico della CARIRI, gli atleti di vertice: Patrizia Spuri e Massimiliano Donati atleti usciti dal vivaio e arrivati ai mondiali e alle Olimpiadi. Il ruolo della Forestale che grazie al dottor Silvano Landi ha permesso la realizzazione di tante iniziative che hanno fatto fare al movimento di base il salto di qualità. Il Meeting ovvero la creatura di Sandro Giovannelli che nel 1999 festeggia i trenta anni di vita e con la parata di campioni rappresenta la miglior forma di promozione dell’atletica tra i giovani. Per ultimo il movimento giovanile che proprio a Rieti vive la più bella giornata della sua storia visto che le squadre allievi centrano una storica doppietta .Giovannelli ci permette di festeggiare nella cornice fantastica di un componente unica per la crescita del vivaio, il Meeting. A Lignano Sabbiadoro le squadre giovanili centrano il secondo posto con i maschi e il settimo con le donne. A Padova le squadre assolute non riescono ad evitare la retrocessione in compenso arriva l’affermazione dei cadetti e il terzo posto delle cadette L’atletica di vertice non ci distrae comunque dall’attività quotidiana a fianco del mondo della Scuola. La Supercoppa è appannaggio ancora di Rieti 3, ma c’è da segnalare che nel 1999 si registra la prima affermazione della Bassa Sabina che da quell’anno non cederà più lo scettro. A Livello Assoluto la squadre conoscono la brutta esperienza di Padova dove entrambe le formazioni retrocedono, ma non è un problema visti gli obiettivi della Società. La squadra cadette è terza nel Lazio ,mentre gli allievi centrano uno splendido successo sulle Fiamme Gialle.. Sono sette i titoli italiani di specialità : due femminili e 5 maschili. I 400 hs femminili grazie a Rene Felton , Eleonora Di Bernardino,Claudia Salvatore,Federica Quartana e Chiara Oddi. I 3000 grazie a Flavia Montini,Francesca Ercole, Lucia Varasconi, Serena Bradde e Paola Giacomozzi. In campo maschile ancora un titolo nei 110 Hs grazie a Marco Martellucci,Roberto Donati ,Daniel Buttari,Amedeo Angelosanto e Andrea Putignani. Nei 400 hs con Alessandro Battinelli,Federico Cipolloni F, Andreas Nadolski, Roberto Donati , Luca Rocchi. Negli 800 con Davide Gnan, Antonello Bonafaccia,Luca Rocchi,Andrea Orlandi, Andrea Lo Giudice. Nel triplo con Nicola Iudicone,Giorgio Sinapi,Emanuele Formichetti,Marco Martellucci e Luca Rocchi. Nel Martello con Bruno De Santis, Manzara,Andrea Carpene,Antonio Bufacchi e Settimio Cinquegrana.

A livello individuale i titoli italiani premiano Antonio Bufacchi, Daniel Buttari, Andrea Carpene, la 4×400 allievi con Roberto Donati, Paolo Jacoboni, Luca Rocchi e Andrea Orlandi. Per il settore femminile l’unico titolo arriva ancora dalla staffetta del miglio con Chiara Oddi, Francesca Ercole, Federica Quartana e Claudia Salvatore. Maglie azzurre per Alessandro Battinelli, Antonio Bufacchi, Daniel Buttari, Tiziano De Santis e Alessandro Porazzini.

Ai Giochi sportivi studenteschi la Scuola reatina centra un altro oro con Claudio Corradetti, il giovane di Antrodoco che a Gubbio vince il lungo, un talento che non ha saputo aspettare condizionato dalla presenza di Andrew. Una sconfitta di tutto il movimento perché Claudio aveva potenzialità tali da poter ricalcare le gesta di Howe.

 

2000

LA FONDAZIONE CASSA RISPARMIO AFFIANCA LA CARIRIMerito di Edoardo Antonicoli ex alunno di Raul Guidobaldi. Paolo Angelini succede ad Alido Tozzi. Scompare Enrico Leoncini

Un anno importantissimo perché grazie al presidente Edoardo Antonicoli, la Fondazione Cariri permette alla Società di rilanciare il discorso delle iniziative rivolte al mondo della Scuola su scala provinciale. L’attività è divenuta frenetica , visto che siamo impegnati su tutti i settori e naturalmente l’intervento della Cassa sotto la guida di Sandro Rinaldi non è più sufficiente per tenere fede a tutti gli impegni. Edoardo Antonicoli, un altro alunno del professor Guidobaldi, uno dei protagonisti del rilancio del Varrone, memore dei suoi trascorsi di atleta affianca la Cassa per permettere alla Società di rafforzare il discorso con la Scuola. Un ricambio completo anche nelle altre cariche .Il nuovo Provveditore è Emanuele Nicolini, Michele Rattacaso è il direttore Generale della CARIRI spa, Paolo Angelini succede ad Alido Tozzi alla presidenza della Studentesca.

Il 2000 vede Andrew a fianco di Sua Santità Papà Giovanni Paolo II in occasione del Giubileo degli Sportivi allo stadio Olimpico. Una foto storica ,un momento indimenticabile che esalta il movimento del Raul Guidobaldi. Intorno alla Società si è creato un alone di simpatia che spinge altre realtà societarie non solo laziali ad affidare a Rieti e al suo movimento gli atleti che passano al settore assoluto,che è ben ricordarlo adesso comprende pure gli allievi . La prima a credere sulla validità del nostro movimento è stata Maura Cosso nel 1993. Crede in noi anche Roberto Chiarotti giovane tecnico di Venezia , è poi la volta di Mario Vaiani Lisi e Stefano Valentinotti con la Polisportiva Assi .Con Erik è nata una simpatia quando Barbara Ciccarelli si trasferisce a Roma , Castelgandolfo sceglie il prototipo reatino. Arriva Gianni Bayram e subito dopo Teresa D’Agostino con l’Urbe Junior. Chiara Di Pasquale quando Erik decide di venire a Rieti ,preferisce andare a Frascati ma al momento del suo passaggio da Frascati alla Sai ,quando tutto sembra concluso , opta per Rieti . Sarà la mossa che a distanza di anni peserà sulla mia figura come presidente della Fidal Lazio. Riprende alla grande la SuperCoppa intitolata alla Fondazione con la vittoria di Rieti 1. La classe più veloce vede il trionfo di Poggio Mirteto . A consacrare il movimento del Valle Tonda arriva la prima vittoria nello staffettone 100×80 della Bassa Sabina forte di Poggio Mirteto,Casperia, Montopoli, Forano,Poggio Nativo. Un trionfo che si perpetrerà che sarà incontrastato fino al 2005 compreso. Non c’è lotta visto che i cento ragazzi della Bassa Sabina hanno un’altra marcia .

A Desenzano nella finale nazionale dei GSS oro per Valentina Aniballi. Lo staff tecnico tra i reatini e responsabili delle società che affiancano il nostro movimento sale a 46 tecnici.. A Nove centriamo la seconda doppietta nei campionati italiani di Società Allievi. Due vittorie nette rispettivamente sulla Snam Milano in campo maschile e sulla Polisportiva Europa Capaci tra le donne. Nel campionato giovanile ci dobbiamo accontentare di due secondi posti dietro alla Snam ,ma la Cariri è ormai una realtà ,un motivo di orgoglio per l’Atletica Laziale . Le squadre assolute a Molfetta vincono entrambe la serie B e volano in A1. Sono nove i titoli che centriamo nei campionati italiani di Specialità. Con le allieve vinciamo 200, 400, lungo, giavellotto, staffette grazie alle prove di Barbara Pittaluga, Beatrice Landi, Valentina Azzurretti, Irene Miglia, Laura Zampieri, Lucia Tosoni, Eva Volpe, Sara Lumaca, Valentina Aniballi, Laura Bistacchia, Federica Quartana, Francesca Papetti. Con gli allievi 400, 800, 110 hs, e staffette grazie a Stefano Venturucci, Samuele Dominaci, Paolo Jacoboni, Armando Di Mambro, Gabriele Indice, Roberto Donati, Alessio Pizzoli, Marco Martellucci. Pioggia d’oro e di azzurro per i nostri portacolori.

Scompare tragicamente Enrico Leoncini gettando nello sconforto tutto l’ambiente del Raul Guidobaldi. A lui verrà intitolato il “Corri in Piazza”.

 

2001

SFIORATO IL POKER NEI CAMPIONATI DI SOCIETA’. ALLA DOPPIETTA DEGLI ALLIEVI A PERGINE SI AGGIUNGE IL TITOLO DEL GIOVANILE A RIETI

L’editoriale dell’annuario 2001 apriva così: ”Dopo 27 anni, la formula Scuola, Giovani, Cassa è sempre vincente”. L’organizzazione dei Campionati allievi e juniores conferma il salto di qualità che l’ambiente ha saputo realizzare. Si tratta della perfetta simbiosi di più componenti che hanno permesso la realizzazione di una realtà probabilmente irripetibile fuori del nostro ambiente . La collaborazione con il mondo della Scuola, la presenza della Forestale,l’effetto Meeting , l’attività internazionale , i tecnici, i Giudici, gli impianti, il volontariato sono queste le componenti alla base di un fenomeno che fa di Rieti la Città guida. E’ l’anno della scomparsa di Zeno Fioritoni , un personaggio determinante per la realizzazione del “fenomeno Studentesca”. Zeno era il nostro tifoso più accanito fu lui a inventare” Atletica uguale sport,sport uguale giovani, giovani eguale studenti, studenti eguale Atletica Studentesca Cassa Risparmio Rieti. Continua un trinomio inscindibile: l’Atletica con la Scuola e la Banca “.

Sono otto i titoli nelle specialità due allievi: 110 hs con Andrew Howe, Francesco Filipponi, Renato Sofia e staffette grazie a Francesco Filipponi, Claudio Corradetti, Andrea Barbolla, Andrew Howe nella 4×100 e Francesco Filipponi, Antonluca Argentieri, Daniele Brunelli e Andrew Howe nella 4×400. Per le donne i titoli sono addirittura sei, nell’alto con Maura Mannucci, Cristina,Chiani e Chiara Pittaluga, nel triplo con Martina Zangrlli, Laura Zampieri, Cristina Chiani nel lungo ancora con Martina Zangrilli, Laura Zampieri e Silvia Tocci; nell’asta con Chiara Pittaluga, Margherita Di Castro e Martina Zangrilli; nel peso con Valentina Aniballi, Melissa Salustri e Giulia Di Pietro e nel giavellotto con Valentina Aniballi, Sara Lumaca ed Elisa Lunari. Da registrare a conclusione della stagione il prestigioso primo posto nel trofeo Qualità e Continuità maschile grazie a Andrew Howe, Stefano Venturucci, Massimiliano Donati, Tiziano De Santis, Daniel Buttari e Andrea Carpene. Quarto posto con le donne per merito di Laura Tosoni, Federica Quartana, Elisa Speranza, Lucia Varasconi ,Valentina Aniballi e Martina Zangrilli.

Con la terza doppietta consecutiva delle squadre allieve entriamo nella storia. La centriamo a Pergine Val Sugana facendo registrare un dominio incontrastato sia in campo maschile con 167 punti contro i 138 dello Sport Club Catania che in campo femminile con 170 punti contro i 138,5 della Snam. A Settembre al Guidobaldi, sfioriamo il Poker visto che la squadra giovanile maschile centra l’ottavo tricolore mentre le donne per soli tre punti si piegano alla formazione di Metanopoli ,ex Snam . A Brescia la squadra assoluta maschile resta in A1 mentre retrocedono le donne. Un’altalena che è naturale per una squadra che punta tutto sui giovani e non distrae la propria attenzione dal movimento di base . Sulmona ospita la Coppa Italia dove non riusciamo a ripetere le prestazioni delle due edizioni “made in Rieti” infatti chiudiamo al decimo posto con la squadra femminile ,mentre gli uomini sono quinti. Il 2001 rappresenta anche l’anno dell’esordio in Coppa dei Campioni a Maribor. Il Comitato Laziale rinnova le cariche e per Rieti oltre alla riconferma di Andrea Milardi a presidente c’è l’elezione di Maurizio De Marco a vicepresidente. Il consigliere con il maggior numero di preferenze è Patrizia Spuri, un vero trionfo con oltre 6000 voti. Rieti ripropone il Trofeo Cinque Cerchi,si tratta di un successo previsto , visto che lo spirito alla base della manifestazione è quello di far capire ai giovani che l’obiettivo più importante di qualsiasi attività sportiva è il miglioramento della propria prestazione a prescindere dal confronto con gli altri. Da Gorizia arriva un ‘altra medaglia d’oro alle finali dei Giochi della Gioventù. A conquistarla è ancora la Basilio Sisti di Cecilia Molinari. Le protagoniste della bella impresa sono Jessica Totaro, Chiara Proietti, Roberta Tipo, Elena De Michele, Eleonora Torre, Erika Petrocchi. Sempre da Gorizia arrivano le medaglie d’oro di Andrew Howe nel lungo (7,41) e Valentina Aniballi 41,27 nel disco. Il filmato di “Sfide“ realizzato da Rai 3, sul personaggio Andrew, rappresenta il più bel biglietto da visita per Rieti capitale dell’atletica.

 

2002

CLUSONE CI REGALA IL POKER.DA COPENAGHEN E MIRAMAS, IL SALTO DI QUALITÀ SUL PIANO INTERNAZIONALE

La copertina è dedicata ad Emanuele Formichetti e non poteva essere altrimenti perché Emanuele nel 2002 sale sul gradino più alto del podio ben quattro volte : due al coperto e due all’aperto doppiando le affermazioni nel triplo e nell’asta. Emanuele centra due vittorie anche nella finale di Coppa dei Campioni a Copenaghen.

Si tratta della stagione che colloca Rieti al primo posto nella graduatorie delle Società italiane di atletica leggera. “Cassa di Risparmio, Comune, Fondazione, Forestale, Meeting, Provincia ovvero le componenti interattive per una realtà societaria che ha puntato sui giovani , sulla scuola ,sul sacrifico per garantire un futuro migliore grazie alla disciplina maestra di vita”.

Una stagione esaltante cheprepara il campo ad un 2003 che vedrà Rieti assurgere ai vertici anche sul piano organizzativo. A Clusone realizziamo un poker che difficilmente verrà ripetuto nella storia dell’atletica italiana , infatti le squadre allievi e allieve per il quarto anno consecutivo riescono a salire sul gradino più alto del podio. Dopo Rieti, Nove e Pergine Val Sugana riusciamo a superare tutte le difficoltà e facciamo l’ennesima doppietta esaltata dai giornali locati che nel presentare l’appuntamento parlano di Rieti contro il resto d’Italia. E’ l’anno dell’indimenticabile trasferta a Copenaghen con Andrew Howe che fa gli straordinari e dalla Danimarca (doppietta nei 110 hs e 200) vola a Torino per portare al titolo la 4×400 in compagnia di Massimiliano Murante , Francesco Leoncini e Francesco Filipponi. La staffetta del miglio vede anche l’affermazione delle allieve con Valeria Accili,Giulia Arcioni,Silvia Tocci ed Enrica Spacca. Bagno di azzurro che oltre ai soliti vede le convocazioni di Damiano Angelini, Francesca Marchetti, Martina Zangrilli,Chiara Pittaluga ed Elisa Speranza . Il riconoscimento al settore tecnico della Società .

Dopo Avignone ripetiamo l’esperienza del Triathlon del Mediterraneo partecipando alle gare in programma a Miramas. Dopo la prima esperienza a mezzo servizio con il Comitato Regionale , decidiamo di fare l’esperienza insieme agli ideatori dell’iniziativa ovvero i professori MarioVaiani Lisi e Stefano Valentinotti , factotum dell’Assi, due insegnanti che sul piano promozionale sono sicuramente due punti di riferimento per il movimento atletico laziale . A Miramas prestigioso secondo posto di Francesca Sul pizi in campo femminile e terzo posto per Gianluca Ottavi tra i maschi,Angela Sterpetti è 6° , Leonardo Scardaoni 8°. La Cariri chiude al terzo con Giulia Ciatti e Mattia Cavoli che danno scacco matto ai francesi che mal digeriscono le loro affermazioni nel salto in alto. La vera lezione dei francesi comunque viene dal loro modo di interpretare l’attività giovanile,con l’ immediatezza dei risultati, giudici che consigliano gli atleti e non li condizionano come arbitri senz’anima , manifestazioni che si identificano in una festa gioiosa ,che permette ai ragazzi soprattutto di fraternizzare . A Massa Carrara per gli Csain ,la Cariri spinge ancora una volta il Lazio sul gradino più alto del podio con la conquista di dieci titoli individuali. Il Progetto Qualità e continuità ci vede al primo posto con i maschi e al secondo con le donne davanti all’Asa Ascoli e dietro alla Sisport Fiat. La Cariri è motivo di orgoglio per il Lazio ,ma a forza di vincere si comincia a dare fastidio e le Fiamme Gialle vengono a Rieti schierando anche gli atleti protagonisti a livello assoluto per batterci. Purtroppo Tiziano De Santis arriva a San Giovanni Reatino quando parte la marcia e preferisce rigirarsi….. Una distrazione che ci costerà il titolo.

La Scheggia Sabina viene intitolata al presidente Giustino de Sanctis da poco scomparso e la Ricci centra una bella doppietta. Le prove multiple portano alla ribalta il saltatore della Polisportiva Roma XIII Stefano Di Pasquale al primato stagionale di categoria , mentre Angela Sterpetti fa intravedere di essere la più bella speranza del vivaio per le multiple. Per la prima volta schieriamo una 100×1000 tutta al femminile. 7h13’58”0. Il miglior tempo, 3’12”7, è di quello di Irene Miglia grande talento che purtroppo non riuscirà ad esprimere tutto il potenziale .A percorre i cento chilometri la squadra femminile impiega7h 13’58”. In campo maschile la frazione più veloce è quella di Giuseppe Minici con 2’44.

 

2003

FINALI NAZIONALI STUDENTESCHE E ASSOLUTI DI ATLETICA,RIETI SUPERA L’ESAME A PIENI VOTI

2003 l’anno in cui Rieti ospita a seguire dal 21 al 28 maggio i campionati nazionali studenteschi con oltre 2500 atleti coinvolti nell’atletica leggera,nell’orientamento, nel badminton e nel tennis da tavolo e dal 31 luglio al 3 agosto la 91° edizione dei Campionati Italiani Assoluti. Un impegno organizzativo da far tremare i polsi e invece la macchina non perde giri ,ma risponde al meglio e , grazie anche alla disponibilità e alla collaborazione della Forestale, tutto fila per il meglio e permette a Rieti di divenire città guida anche sul piano organizzativo. Da ricordare che tanto per non rilassarci troppo a cavallo delle due manifestazioni abbiamo l’opportunità di organizzare la prima edizione del Meeting Nazionale giovanile ,che coincide con l’inaugurazione del campo in altura lo stadio “Enrico Leoncini” splendida struttura a 1600 metri di altezza . Nel complesso le tre manifestazioni vedono coinvolti 4354 atleti e tutto fila per il meglio grazie soprattutto alla collaborazione di un centinaio di genitori che si mettono a disposizione della Società ,un’azione di volontariato che solo Rieti e il mondo dell’atletica del “Guidobaldi” riescono ancora a tenere in vita. Nel corso della stagione riusciamo ad incrementare il numero dei tesserati e il numero degli aderenti ai Centri di avviamento allo sport. Permettiamo a 99 giovani di essere presenti a raduni e di questo dobbiamo rendere merito al Dottor Silvano Landi che agevola le nostre proposte assumendo responsabilità che solo chi è sensibile verso i giovani può accollarsi. Raddoppiamo le presenze nelle iniziative promosse dalla Società: Conti Piante,Cinque Cerchi,Staffettone 100×80 metri,Giornata dell’Atletica, Scheggia Sabina, Trofeo Giustino de Sanctis, Don Bosco, Campestrone, Corri in Piazza, alla Riscoperta del lanciare. La festa di Natale con la gita a Gardaland arriva a coinvolgere 168 persone tra allievi e genitori. Il Gemellaggio con il Comitato della Provence permette di dare all’attività quello spirito di internazionalità che fa fare al movimento un ulteriore passo in avanti. Una citazione è di dovere anche per altre due componenti che fanno in modo che tutto proceda per il meglio il Gruppo Giudici gare e il Comitato Provinciale dei Cronometristi. Una simbiosi unica di tante componenti che spiegano quest’ascesa continua .

E’ l’anno del quinto titolo italiano consecutivo della squadra allieve , lo centriamo a Modena grazie alle prestazioni di Giulia Arcioni, Maria Enrica Spacca, Eleonora Bonanni, Vittoria Bussi, Ada Roversi, Giulia Angelini, Anna Lisa Cinti, Francesca Marchetti, Federica Caputo, Silvia Koller, Antonella Di Felice, Francesca Marchetti, Valeria Accili, Valentina Sterpetti, Virginia Tosti, Giuseppina Palluzzi e Claudia De Antonis. Ai Campionati assoluti ci leviamo la soddisfazione di migliorare il primato italiano della staffetta del miglio allieve grazie a Angelini,Arcioni,Spacca e Accili. Da Ostia arriva inattesa la promozione della squadra assoluta femminile in argento. E’ il riconoscimento al lavoro sui giovani, un lavoro decennale che grazie a Rita De Cesaris, Irene Miglia, Paola Giacomozzi, Valentina Aniballi, Valentina Azzurretti, Marta Oliva, Laura Tosoni, Chiara Pittaluga, Maura Mannucci, Elisa Speranza, Francesca Marra, Danila Tosto, Silvia Di Liberto, Alessandra Palombo e Nicoletta Nobili, ci permette di inserirci tra le migliori sedici società femminili italiane. Riprende il Città di Rieti dopo la stasi forzata per il rifacimento della pista e laurea Giorgia Granati, Giulia Martinelli, Luca Gentiloni allievo del Professor Sergio Celli e Demis Cianfa, il talentuoso ragazzo della Pascoli che purtroppo un banale incidente ferma sul più bello della scalata ai vertici. La determinazione di Demis non meritava questo sfortunato contrattempo.

 

2004

ANDREW HOWE A GROSSETO CENTRA UNA INDIMENTICABILE DOPPIETTA IRIDATA

La copertina del 2004 è dedicata a Papa Wojtyla. Mentre stiamo andando in macchina per realizzare l’annuario della Studentesca, viene a mancare il Papa dei giovani e ci sembra doveroso rendere omaggio al personaggio che ha rivoluzionato il mondo, Karol Wojtyla un grande sportivo che allo stadio Olimpico, in occasione del Giubileo, si rivolse ai giovani con queste parole ” Per riuscire nella vita bisogna perseverare . E chi fa sport questo lo sa bene. Solo a prezzo di duri allenamenti si ottengono risultati”. Nella foto c’è anche Andrew che il Papa premiò . Un predestinato visto che nel 2004 a Grosseto, nei mondiali juniores esalta la manifestazione, cogliendo due strepitosi successi che rilanciano alla grande il messaggio dell’atletica italiana. Andrew è uno dei tanti protagonisti che il Raul Guidobaldi ,grazie al lavoro di innumerevoli appassionati, è riuscito a sfornare. Per lanciare il Terminillo le Nazionali juniores ,grazie al Vicepresidente Alfio Giomi , preparano l’appuntamento iridato al Terminillo.

Si interrompe la serie di vittorie delle squadre allievi. Per cinque anni abbiamo sbaragliato il campo con le allieve, quattro con gli allievi,ma proprio in chiusura della stagione arriva il dodicesimo scudetto grazie alla squadra femminile juniores e promesse che a Fano riesce a pareggiare il conto con il settore maschile. Sei scudetti per le donne e sei per i maschi. La squadra assoluta femminile riesce a confermare la serie argento, una prova d’orgoglio dopo una prima giornata che ci vede in difficoltà per una banale caduta di Paola Giacomozzi. E’anche l’anno dell’organizzazione dei Campionati Italiani juniores e Promesse che vengono concentrati in due giornate per permettere ai partecipanti di poter adempire ai doveri elettorali. Anche questa prova viene superata a pieni voti grazie ad un comitato organizzatore che è il fiore all’occhiello della Società. In tutti i campionati italiani riusciamo a mettere il nostro sigillo, dagli Indoor con Maura Mannucci ,agli juniores e promesse di Rieti con Enrica Spacca ed Emanuele Formichetti. A Cesenatico gli allievi centrano l’ennesimo titolo nella staffetta del miglio questa volta ad opera del quartetto che schiera nell’ordine Marco Casciani,Fabio Chiacchera, Francesco Laganà e Fabio Maria Carlucci. Un ulteriore dimostrazione della validità della Scuola Reatina per quanto riguarda i quattrocento metri. Il Progetto Qualità e Continuità ci vede sempre ai vertici visto che con il settore maschile siamo secondi alle spalle della Fratellanza Modena e quinti con le donne . I campionati di Specialità non vengono più tenuti nella considerazione degli anni passati ,ma nonostante tutto siamo primi nei salti grazie alle prestazioni di Emiliano Maddalena, Fabio Chiacchera, Luca Longhi, Simone Colangeli, Federico Iacoboni, Leonardo Scardaoni, Danilo Vischetti, Stefano Baldini, Stefano Troia. Si ripete l’esperienza del Triathlon del Mediterraneo a Marsiglia e tra i 50 giovanissimi che partecipano ad un’esperienza che ha permesso al movimento di fare il salto di qualità si evidenziano Cristian Barbante e Magdalena Rutkoska. C’è un bel rilancio per il Città di Rieti che al termine della stagione laurea Giulia Di Girolamo,Simone Fusiani tra i ragazzi 1992, Giulia Martinelli e Cristian Barbante per il 1991, Francesca Sul pizi e Gianluca Ottavi tra i cadetti. Il Trofeo Cinque Cerchi ottiene un successo di partecipazione al di fuori di ogni aspettativa. La 100×1000 vede la formazione femminile infrangere la barriera delle 7 ore . Le migliori frazioni delle tre squadre scese in campo sono di Ilaria Di Santo, Daniele Troia e Fabrizio Chiari. E’ l’anno del rinnovo delle cariche alla Fidal Lazio. Il comportamento ambiguo del Colonnello Vincenzo Parrinello e il successivo intervento “pieno di veleno” in sede di assemblea portano alla presidenza il Professor Enzo D’Arcangelo. Si chiude un ciclo ed era naturale che così fosse, ma è certo che per rilanciare l’atletica dei giovani la scelta non è stata felice.

 

2005

Il 2005, ovvero la stagione che chiude trenta anni di attività dell’Atletica Studentesca,la Società che nel 1976 conquistò la fiducia della Cassa di Risparmio di Rieti sotto la presidenza dell’Avvocato Giustino de Sanctis.La squadra assoluta femminile ha confermato l’Argento ,quella maschile ha vinto la finale B con relativa promozione in A1, tricolore per la squadra femminile a livello juniores e promesse, piazza d’onore per i pari età del settore maschile. Le squadre allievi ancora una volta in finale per la conquista del titolo di categoria a Modena ma la serie si interrompe.

A livello promozionale, ovvero nei settori cadetti,ragazzi ed esordienti, dove la Fondazione Varrone ha affiancato la Cassa di Risparmio, il Club rossoblu si è confermato Società guida del movimento atletico Laziale con una serie di risultati che garantiscono un ricambio tale da guardare al futuro con ottimismo.

Titolo con le squadre ragazze e ragazzi – indoor e outdoor – , titolo con le cadette e terzo posto con i cadetti, senza avversari nelle prove multiple , il 2005 ha fatto registrare un bel rilancio anche a livello di cross e per la prima volta ci siamo avventurati nella corsa in montagna con risultati soddisfacenti anche su scala nazionale.

Sono sedici i tesserati Cariri che hanno vestito il tricolore nelle rassegne nazionali delle rispettive categorie con Valeria Accili, Giulia Arcioni doppietta, Valentina Aniballi doppietta, Fabio Chiacchera, Francesco De Michelis, Roberto Donati, Elena Maran, Jessica Paoletta doppietta, Dante Santori, Alessio Sciarra, Sara Sow ed Enrica Spacca doppietta. I portacolori della Società sono stati presenti a tutti gli eventi di caratura mondiale o continentale che il calendario Internazionale prevedeva con Jessica Paoletta in pista a Marakesh per i mondiali allieve , Enrica Spacca agli europei Juniores di Kaunas,Valentina Aniballi e Roberto Donati agli europei promesse di Erfurt, Giulia Arcioni prima a Kaunas e poi ad Helsinki per i mondiali assoluti.

Il 2005 ha visto la presenza della Società su scala internazionale con la partecipazione al Meeting del Mediterraneo di Marsiglia e alla Coppa dei Campioni a Tuzla.

L’organizzazione dei Campionati Italiani Allievi ha confermato il salto di qualità che la struttura Societaria ha compiuto nel corso degli anni, un’organizzazione che permette inoltre di portare avanti un’attività sul territorio con cadenza ormai bisettimanale.

La sintonia con il mondo della Scuola è garanzia di successo per tutte le iniziative che l’Atletica propone sul territorio ,facendo riferimento al progetto “Correre, Saltare, Lanciare“ approvato e sostenuto dalla Direzione Generale Lazio del MIUR .

SCUOLA di atletica leggera che si contraddistingue soprattutto per essere SCUOLA di vita , è questo il fiore all’occhiello del movimento del “Raul Guidobaldi” come stanno a testimoniare la serie di iniziative a carattere sociale che il Club porta avanti per i giovani di Rieti e Provincia : Raduni estivi, Natale a Gardaland, 100×1000, manifestazione chiusura dei GSS, Festa di Natale .

Trenta anni di attività densi di soddisfazioni sul piano agonistico ,ma soprattutto sul piano sociale . Sono 81 i giovani che grazie all’Atletica Leggera si sono sistemati per la vita nei gruppi sportivi militari ed è questo il motivo della profonda soddisfazione per i risultati ottenuti.

Il dottor Angelo Magrini in qualità di Dirigente del CSA di Rieti, sulle orme dei suoi predecessori, ha tenuto sempre in grande considerazione l’attività sportiva scolastica.

#studmilardi